La Sad, band debutta nel santuario della musica a Sanremo

di Dudnic Radu
4 Min.

Sanremo 2024

Il Festival di Sanremo 2024 è giunto alla sua 74ª edizione e si terrà dal 6 al 10 febbraio 2024 presso il Teatro Ariston. Trasmesso in diretta televisiva su Rai Uno e in Eurovisione, quest’edizione sarà presentata per la quinta e ultima volta consecutiva da Amadeus. Sanremo 2024 vedrà la partecipazione di una rosa più folta del previsto, con un totale di 30 artisti, da Geolier a Diodato. Tra questi, un nome poco familiare ha suscitato una non banale curiosità. Per i telespettatori abituali del Festival, la domanda può sorgere spontaneamente: chi sono i “La Sad”?, la band che sta per fare il suo debutto nel santuario della musica italiana.

La Sad

La Sad è un gruppo musicale che affonda le sue radici in un progetto del 2020. Theø, Plant e Fiks sono i nomi d’arte di Matteo Botticini, Francesco Emanuele Clemente ed Enrico Fonte. Provenienti da diverse regioni (Lombardia, Puglia e Veneto) hanno unito i loro percorsi musicali a Milano, durante la pandemia. Un mix di suoni e stili che fondono sfumature emo/trap, pop punk e un’attitudine punk che sfida il conformismo.

«Diversamente da altri, non ci siamo limitati ad un unico genere musicale. Abbiamo incorporato numerose influenze tra loro. Non è solo punk, è La Sad».

Theo, Plant e Fiks

Theø, originario di Brescia, si presenta come cantante ed ex chitarrista con esperienza di tour internazionali. Plant, proveniente da Altamura(BA), tra diversi contest di “freestyle” si è stabilito a Milano per seguire la sua passione per la musica. Fiks, veneziano, è caratterizzato da un atteggiamento punk con testi malinconici e “Sad”. Un trio che si distingue per la combinazione di scegliere più correnti artistiche, mescolando pop punk, emo e trap.

Influenze de “La Sad”, testi e temi

La personalità del gruppo sembra abbracciare uno stile di vita alternativo e trasgressivo, riflesso sia nella loro musica che nel loro modo di presentarsi. Anche il loro estro artistico presenta un’estetica che riflette la loro fusione musicale e personalità. Sfoggiano capelli colorati, creste e abbigliamento che unisce elementi punk con un tocco moderno.

A seguito dei 3 singoli pubblicati e diverse collaborazioni tra loro, la band esordisce il 14 gennaio 2022 con il loro primo disco “Sto nella Sad”. Cavalcando l’onda favorevole il trio ha l’album ad una “Deluxe” dell’album arrivando a collaborazioni con Villabanks, Bnkr44, Steven Moses e altri. Il brano Toxic gode di oltre 17 milioni di stream su Spotify, certificato anche come Disco d’Oro dalla Fimi.

La loro identità musicale si definisce attraverso sonorità frenetiche ispirate a gruppi come Blink-182 e Green Day, mescolate con influenze rap, trap e pop, richiamando l’immaginario emo degli Anni 2000. Il trio si ispira a influenze artistiche quali Juice Wrld, Lil Peep, Blink-182 e altri. Hanno posto un particolare accento per l’album “Enema of the State” dei Blink-182 e “Death Race for Love” di Juice Wrld, raccontano a Rockol.

di Radu Dudnic


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati