19 marzo, il punto della settimana: cos’è successo nel mondo?

di Emanuele Lo Giudice
5 Min.

Dall’Atlantico al Pacifico, il punto della settimana che si sta per concludere. Il mondo dal 13 al 19 marzo 2023.

Si conclude un’altra settimana e le notizie che arrivano dal mondo circolano più veloce di quanto si pensi. Russia, Francia ed Ecuador, che è successo fuori dai confini nazionali? Ecco il punto della settimana!

Russia: il mandato d’arresto per Putin, messaggio simbolico?

La Corte Penale Internazionale ha emesso un mandato d’arresto per Putin, e non solo. Simbolo importante di questa guerra che ormai imperversa sull’Europa da più di un anno, ma comunque difficile da vedere attuato nella realtà.

La validità di tale mandato è prevista nei 123 paesi che hanno sottoscritto lo Statuto di Roma, tra i quali non rientrano, tra i tanti, anche la Russia e gli Stati Uniti. L’Ucraina anche non ne è parte, ma riconosce la giurisdizione della Corte dal 2014, anno in cui ha attivato una procedura speciale riguardo i crimini “Presumibilmente commessi nel territorio del Donbass“.

Agli occhi di Mosca tale mandato non ha alcun valore legale, non riconoscendo la Russia la giurisdizione della Corte. “Inaccettabile” è ciò che il Cremlino ha sostenuto dinnanzi al mandato, rigettando le accuse di crimini di guerra e deportazione. Non è solo Putin ad essere stato indicato, ma anche Lvova-Belova, considerata l’artefice delle deportazioni, nelle quali ad oggi si contano 16mila minorenni.

In ogni caso, che Putin sia in Russia o meno, non è facile vederlo al cospetto della giustizia. Oltre alla protezione russa, potrebbe anche essere fatta valere l’immunità del Capo di Stato in uno Stato terzo. Per ora è un grosso punto interrogativo, il cui valore simbolico, però, è di ampia portata.

Francia: la legge sulle pensioni scatena i francesi

Sono ormai diverse le notti di disordine nella capitale francese, scoppiate già da gennaio a seguito della riforma pensionistica voluta dalla presidenza Macron.

Approvato in via definitiva dal Senato, la legge sulla riforma pensionistica non verrà votata dall’Assemblée Nationale. Macron e il Governo Borne hanno fatto infatti ricorso all’art. 49.3 della Costituzione, necessaria per evitare il voto parlamentare. La maggioranza governativa al Senato non è infatti uguale a quella della Camera, dove Macron non è riuscito a consolidarne una tale da far passare la riforma.

La riforma, che alza l’età pensionistica da 62 a 64 anni, ha provocato differenti e ampie provocazioni in tutto il paese, portando al fermo di diversi cittadini a Parigi, Rennes e Nantes. Barricate e cariche anche a Parigi, dove i manifestanti si sono riversati in Place de la Concorde e a Place d’Italie. Il ruolo di Macron ora è in bilico, inviso dalla sinistra come dall’estrema destra di Le Pen, ai quali si sono ultimamente aggiunti i repubblicani.

Ecuador: il terremoto che ha piegato l’equatore

Quasi due decine di morti in Ecuador, dove il terremoto del 18 marzo ha lasciato vittime sia in Ecuador che in Perù. Ad oggi i feriti sono quasi quattrocento, mentre le vittime rinvenute si fermano a 15, almeno fino a nuovi aggiornamenti dalle autorità ecuadoriane.

Diversi edifici sono stati colpiti dal sisma, tra cui anche il museo Marino di Puerto Bolívar, meta di migliaia di studenti, che è affondato portando sott’acqua migliaia di reperti di valore.

La scossa è stata avvertita nel comune di Balao alle 18:12 italiane, segnando una magnitudo di 6,8 gradi sulla scala Richter, considerata però superiore dalle autorità ecuadoriane.

Scritto da Emanuele Lo Giudice


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati